Sonja Gasparin & Beny Meier


Biografia / Biography

 

SONJA GASPARIN

 

1952: nata a / born in Villach (A)

1970 – 1974: corso di laurea in educazione artistica all´Accademia di Belle Arti di Vienna / studies in art education at the academy of fine arts in Vienna (A)

 

1974: laurea / diploma

 

1974 – 1982: corso di laurea in architettura all´Accademia di Belle Arti di Vienna / studies in architecture at the academy of fine arts in Vienna (A)

 

1982: diploma / diploma

 

dal / since 1988: tecnico civile nell´ordine degli architetti austriaci / member of the austrian architects chamber

 

dal / since 1989: studio di architettura con / partnership with Beny Meier

 

2003 – 2007:

lettrice all’Università Tecnica di Vienna / lecturer at the technical university of Vienna (A)

 

2004 – 2005: corso di mediazione nel campo del processo di progettazione e costruzione / studies in mediation (planning and building processes)

 

 

BENY MEIER

 

1954: nato a / born in Effretikon (CH)

 

SI / WS  1970 – 1974: tirocinio come disegnatore tecnico a Zurigo / apprenticeship as architectural draftsman at Zürich (CH)

 

1974 – 1981: corso di laurea in architettura all´Accademia di Belle Arti di Vienna / studies in architecture at the academy of fine arts in Vienna (A)

 

1978 – 1979: studi all’ Istituto universitario di architettura dell’Università di Venezia / studied at the institute of architecture of the university of Venice (I)

 

1981: laurea / diploma

 

1981 – 1983: studio di scenografia all´Accademia di Belle Arti di Venezia / studies in stage design at the academy of fine arts in Venice (I)

 

dal / since 1989: studio di architettura con / partnership with Sonja Gasparin

 

dal / since 2003: membro del registro A degli architetti svizzeri / member of the register A of the Swiss architects

 

SI / WS  2003 – 2007: lettore all´Università Tecnica di Vienna / lecturer at the technical university of Vienna (A)

 



GASPARIN & MEIER architects
12 ottobre - 22 dicembre 2007 PROGETTOCONTEMPORANEO - Triennale OFF

Apertura
  12 Ottobre - 22 Dicembre 2007
  Mostra chiusa

Catalogo:
 
PROGETTOCONTEMPORANEO_10
 Gasparin & Meier Architekten
 
in vendita in Galleria dal 12 Ottobre 2007
 
(vedere sezione Cataloghi)

Inaugurazione / Opening
 12 ottobre 2007 ore 18.30
  evento serale - rsvp
  12th october 2007, 6.30 pm
  evening event - rsvp
 Sala Conferenze General Membrane
 
 
PROGETTOCONTEMPORANEO

Intervengono:
  Paolo Vocialta, Oderzo
  Andrey Hrausky, Ljubljana
  Giovanni Vragnaz, Cividale del Friuli
  Sonja Gasparin e Beny Meier, Villach

  
Sede Espositiva:
 Galleria di Architettura di General Membrane
 PROGETTOCONTEMPORANEO
 sede Triennale OFF Veneto Friuli
 via Venezia 28 (statale SS14 Triestina)
 Ceggia VENEZIA Italia
 (vedere sezione Informazioni->Cartina)

Info:
 
info@progettocontemporaneo.it
 tel. + 39 0421 322000
 referente: Nacini Danilo

Per l'Invito all'Inaugurazione usa il link  in questa pagina
oppure in area DOCUMENTAZIONE scarica l'INVITO
in formato PDF. Invito valido per più persone. Conferma
la partecipazione via email o telefonicamente, grazie



Riprende la strada programmatica delle mostre monografiche con i due architetti
austriaci SONJA GASPARIN e BENY MEIER, operanti a Villach.

PROGETTOCONTEMPORANEO, la galleria di architettura di General Membrane, presenta l'opera di Gasparin e Meier dopo le digressioni operate con la doppia iniziativa dedicata ai giovani architetti italiani nel 2006 e con la mostra sulla giovane architettura dei paesi dell’est europeo conclusasi nella scorsa estate.

Porre attenzione alla realtà austriaca significa, in ambito architettonico, parecchie cose. L’Austria a partire dagli anni ’80 è stata un laboratorio di idee a cui tutta l’Europa ha guardato. Basti ricordare la nota esperienza del Vorarlberg, regione ad ovest sul confine svizzero, dove, sulla scia della crisi petrolifera, architetti, committenti, imprese si attivarono al fine di individuare tipologie edilizie che, coniugando tradizione (il legno per strutture e tamponamenti), limiti economici e linguaggio contemporaneo, adottassero nuovi espedienti tecnologici atti allo sfruttamento degli elementi naturali.

Per la bioarchitettura e la bioclimatica tale esperienza divenne un punto di riferimento.

Ma anche intorno alle due principali (insieme a Innsbruck ) scuole d’architettura ad est del paese, e cioè Graz e Vienna, i fermenti e gli orientamenti architettonici risuonarono ben al di là dei confini nazionali. Merito anche della generazione dei maestri (G. Peichl, H. Hollein, H. Tesar), che contribuì all’apertura verso la contemporaneità in un paese dove la tradizione legata ai fasti dell’impero asburgico e allo struggente bagliore della secessione viennese poteva trattenere dall’ intraprendere nuovi sentieri formali.
Gasparin e Meier, seppur residenti a Villach, in un angolo del paese (sulle connessioni con le realtà circostanti si leggano le righe di A. Hrausky nel catalogo monografico), hanno ben presenti tali esperienze e il loro atteggiamento verso il progetto architettonico non è ideologico ma dettato, entro una cornice formale neo razionalista, da necessità funzionali e tecnologiche. Questo approccio “costruttivo”, in linea con il movimento architettonico più avanzato del paese, è comunque intriso di una sensibilità che si esprime nella cura del dettaglio (vedasi le raffinate osservazioni di G. Vragnaz) e nella creatività nel risolvere le parti del progetto che testimoniano, oltre che le capacità dei due architetti, tutta la passione per il mestiere. Dall’osservazione dei progetti emerge anche la puntuale lettura del contesto, sia esso naturale o urbano.

Nel catalogo oltre agli interventi di A. Hrausky e di G. Vragnaz compare anche un contributo di Friedrich Achleltner, decano della critica austriaca, che in tal modo suggella lo spessore dei nostri protagonisti oltre che della nostra iniziativa.
La mostra propone progetti di piccola e grande scala, dalle ristrutturazioni o ampliamenti di abitazioni private a interventi a scala urbana come ridefinizioni di piazze o centri direzionali (lavori in qualche caso acquisiti attraverso pubblici concorsi di progettazione).

Paolo Vocialta
Curatore mostra e Direttore di Progettocontemporaneo



Stampa l'evento


   2003-2004 © PROGETTOCONTEMPORANEO e General Membrane - Tutti i diritti riservati
  Legal info     Credits